Strategie SEO nel settore cannabis perché valorizzare le attività di link building

Strategie SEO nel settore cannabis: perché valorizzare le attività di link building

Se si ha la necessità di ottimizzare in ottica SEO un sito web del settore cannabis, che si tratti di un e-commerce, un sito aziendale o anche di altra tipologia, può essere davvero molto utile valorizzare la cosiddetta link building, ovvero procurargli dei backlink di qualità.
Ma per quale motivo si afferma questo? Le ragioni per reputare la link building un’attività particolarmente adatta ai siti di questo settore sono diverse, facciamo il punto su quelle più rilevanti.

Il settore è ricchissimo di concorrenza

Come prima cosa, bisogna sottolineare come il settore cannabis sia estremamente ricco di concorrenza, basti pensare che digitando la chiave di ricerca “cannabis”, il principale motore di ricerca restituisce qualcosa come 453 milioni di risultati.
È evidente che l’azienda che vuol farsi spazio in ottica SEO tra quest’infinità di siti web deve agire in maniera professionale, non puntando alla mera quantità, bensì procurandosi dei backlink particolarmente efficaci.
A questo riguardo, ovviamente, è bene tenere sempre presenti le raccomandazioni degli esperti del settore nel trovare backlink di qualità: bisogna cercare di ottenere link in entrata da siti autorevoli, senza dubbio, ma possibilmente anche tematici, quindi che riguardino in maniera più o meno diretta l’argomento in questione.
Se ci si chiede come ottenere backlink di qualità, va detto che ci si può muovere in diversi modi: alcuni siti web consentono a chiunque di contribuire con articoli in cui si potranno inserire dei link strategici, in altri casi è opportuno prendere contatti direttamente con i webmaster o con le società che gestiscono i siti di interesse, inoltre non bisogna trascurare neppure la possibilità di comprare backlink.
Quella di acquistare backlink è una pratica molto diffusa nelle ottimizzazioni SEO più ambiziose, la quale può garantire dei vantaggi competitivi davvero importanti.

Si possono avere molteplici spunti editoriali

Se si fa link building è fondamentale curare l’aspetto editoriale, di conseguenza bisogna avere delle idee sulla base di cui scrivere degli articoli realmente interessanti per chi legge, e il settore cannabis, al contrario di quanto si potrebbe credere, è ricchissimo di spunti.
Quando si parla di cannabis, infatti, non bisogna pensare esclusivamente alla sostanza stupefacente, ma anche al sempre più ricco e variegato mercato di prodotti legali, di conseguenza si può parlare delle novità del settore, della normativa che lo disciplina e di quant’altro sia utile al consumatore che vuol acquistare prodotti di questo tipo che siano legali oltre che assolutamente innocui.

I siti web disposti a pubblicare articoli sull’argomento sono tantissimi

Proprio per il fatto che, come detto, quello della cannabis non è affatto un argomento “borderline”, i siti web disposti ad ospitare articoli dedicati a tale tematica sono davvero tantissimi.
Si può far riferimento a siti di carattere generalista, a cui proporre, ad esempio, dei contenuti riguardanti le leggi che disciplinano il settore, e anche a tanti siti specifici, come possono essere dei blog dedicati al mondo cannabis o a tematiche affini, come l’omeopatia e i rimedi naturali.
In questo modo, dunque, risulterà molto semplice ottenere backlink di qualità, o anche acquistare backlink altrettanto funzionali al proprio obiettivo.
L’ampia disponibilità di siti web a cui si può far riferimento, peraltro, rende molto più semplice procurarsi dei backlink italiani: uno dei principi SEO più basilari su cui strutturare una campagna di link building, infatti, è quello di ottenere link in entrata da siti Internet i cui contenuti siano nella medesima lingua del sito che si vuol ottimizzare.

Quali sono le proprietà curative dell'aloe arborescens Previous post Quali sono le proprietà curative dell’aloe arborescens